La chiesa del Carmine venne consacrata nel 1605 e suscita sempre un particolare interesse nei visitatori.
Pregevole è l’altare scolpito in pietra leccese con colonne ricche di intagli e statue con al centro l’immagine della Madonna del Carmelo. Il convento sorse in seguito auna donazione di un cittadino di Presicce, Martino Alfarano, ai Carmelitani di Lecce, soppresso nel 1809, fu ceduto successivamente all’amministrazione comunale e oggi ospita il comando di polizia municipale, la biblioteca comunale ed è destinato a sede di attività socio-culturali.

Il comune di Presicce è, in tutto il Salento, quello con il maggior numero di trappeti a grotta, a partire dalla fine del 1600 contava ben 23 frantoi ipogei.
I più antichi, situati nella zona di Pozzomauro, servivono a riorganizzare le popolazioni superstiti scampate alle invasioni dei Saraceni e successivamente per potenziale il commercio di prodotti agricoli in maniera particolare dell’olio realizzarono altri trappeti lungo l’antico percorso che collegava Lecce a Santa Maria di Leuca

La chiesa madre sorge sullo stesso luogo dell’antica parrocchiale distrutta dal terremoto del 1743, ricostruita tra il 1776 e il 1781 e intitolata al patrono Sant’Andrea Apostolo.
Presenta una maestosa facciata in stile barocco e al suo interno troviamo ben nove altari, di fronte, proprio al centro di Piazza Villani fu edificata la Colonna di Sant’Andrea costituita da un alto fusto con capitello su cui è posizionata la statua del santo.

L’edificazione della chiesa di Santa Maria degli Angeli avvenuta nel 1596 è legata secondo la tradizione a due eventi: alla presenza di un’immagine della Vergine che invita un contadino a farsi portavoce della ricostruzione dell’edificio e alla guarigione di un cieco.
Nel 1603, con l’insediamento dei Padri Riformati si edifica ex novo il convento che venne poi soppresso nel 1866 fino a cadere in stato di profondo abbandono.

La chiesa della Madonna di Loreto, meglio conosciuta con l’espressione dialettale di Madonna del Rito o te luRitu, è una piccola chiesetta rurale situata sull’altura della Serra di Pozzomauro, presenta un modesto altare con l’affresco di una Madonna col Bambino fra gli angeli.

Il Palazzo Ducale di Presicce è attualmente sede del Museo della Civiltà Contadina; è stato adornato da giardini pensili e dotato di una cappella nel 1630 per volontà della Principessa Maria Cito Moles.